Zona Disagio. Siria, la strage infinita

«Perdonami se ti ho mandata a scuola, stamattina». Queste le parole che una madre disperata avrebbe pronunciato davanti al corpo della sua bambina, uccisa da una bomba mentre stava camminando verso la sua classe, la mattina del 4 novembre nella provincia di Idlib, in Siria. Secondo la denuncia dell’ong Save The Children, almeno altri tre bambini sono morti e decine di persone sono rimaste ferite da un attacco aereo, che le fonti locali identificano come russo. A Kafraya, a pochi chilometri da Idlib, è stata colpita anche una scuola elementare: poteva essere una strage. Il bombardamento è l’ennesimo episodio di violenza che si abbatte su una regione traumatizzata da quasi dieci anni di guerra e da una realtà quotidiana fatta di morti, terrore e miseria. Lungo la linea del fronte di Idlib, infatti, si concentra quel che resta dell’opposizione al regime di Bashar el-Assad e il cessate il fuoco dicharato a marzo fra Turchia e Siria non è bastato a spegnere le ostilità e la violenza indiscriminata sui civili. Come se non bastasse, sempre qui, dove un anno fa si suicidava, braccato dai militari americani, il sedicente califfo dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi, gli Stati Uniti il 22 ottobre hanno lanciato un’offensiva pesantissima con l’obiettivo di stroncare la riorganizzazione di Al-Qaeda nella zona.

Nelle ultime due settimane, per equilibri geopolitici che probabilmente travalicano i confini siriani, è aumentata notevolmente la tensione fra le forze governative, sostenute dalla Russia, e le varie milizie anti Assad, in parte almeno appoggiate dalla Turchia. Se l’accanimento contro la popolazione civile da entrambe le parti non è purtroppo una novità, come documenta un rapporto della Commissione d’inchiesta sulla Siria dell’Onu l’espansione dell’area di attacco anche in zone considerate sicure del governatorato di Idlib segnala un preoccupante aggravarsi della situazione nel nord-ovest siriano. Lo conferma lo staff di Medici Senza Frontiere, che ha dovuto operare persone ferite da attacchi aerei provenienti da un’area dove fino a qual momento non si erano verificati bombardamenti. 

Secondo gli ultimi dati raccolti dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, nel solo mese di ottobre il numero di vittime provocate dal conflitto in Siria ha raggiunto quota 600, di cui 104 civiliUn segnale di allarme, che si aggiunge alla crisi sanitaria dovuta alla pandemia e alla tragedia degli sfollati interni, un milione di persone che nel 2020 sono state costrette a lasciare le proprie case e a vivere in campi profughi esposti alle intemperie – nell’ultima settimana le forti piogge hanno allagato nove centri per sfollati – o spinte lungo la strada traditrice che porta verso un’Europa sempre più blindata. 

ft

(foto Stefano Stranges, “Nel quartier generale del Free Syrian Army”, Aleppo, luglio 2013)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...